Gruppo Lidonnici - Diabete, le conseguenze sulla salute dentale

Diabete e parodontite, correlazione e prevenzione

Diabete e parodontite, l’importanza della prevenzione per intervenire tempestivamente

 

Nel mondo circa il 6,4% della popolazione è affetta da diabete e la parodontite rappresenta la sesta complicanza dovuta a questa malattia. Ciò vuol dire che ha un’incidenza di comparsa pari al 75% nei pazienti diabetici rispetto ai soggetti sani.

La parodontite, o piorrea, è una patologia infettiva causata da batteri che aggrediscono le strutture di sostegno dei denti provocando un’infiammazione cronica.
Il disturbo può insorgere anche a causa di alcune cattive abitudini. Tra i sintomi principali si riscontrano l’alitosi e il sanguinamento gengivale.

Il diabete è una malattia metabolica. Tra le cause del diabete troviamo invece un’alimentazione eccessivamente calorica, la sedentarietà e il fumo.

La relazione tre le due patologie è dimostrata anche al contrario: la parodontite infatti aumenta la possibilità di sviluppare il diabete. Il rischio di sviluppare la malattia cresce sino al 30% per coloro che soffrono di problemi parodontali. Questo perché patologie a carico delle gengive rendono più difficile il controllo della glicemia e aumentano il rischio di sviluppare diabete.

Una buona prevenzione del diabete passa anche dalla bocca. E’ uno dei principali messaggi emersi dal “Diabetes, Oral Health and Nutrition 2015:  Interrelationships, Innovations, & Interventions” un simposio svoltosi a Washington e da un seminario tenuto a Barcellona, entrambi organizzati dal Joslin Diabetes Center.

Ai primi sintomi si consiglia vivamente di contattare il proprio dentista per effettuare un controllo.

Potrebbe interessarti anche:

Gravidanza: gonfiore, sensibilità e sanguinamento delle gengive

Mangiarsi le unghie rovina i denti. Tutte le cattive abitudini da evitare

Gruppo Lidonnici Centri Odontoiatrici

Le 11 curiosità sui denti che non conosci

Il mondo odontoiatrico è ricco di aneddoti e peculiarità

 

Di seguito le 11 curiosità  sui denti che vi stupiranno:

  1. Ogni persona in tutta la sua vita impiega un totale di 40 giorni per lavarsi i denti;
  2. Il dente più costoso al mondo è quello di Isaac Newton. Agli inizi del 1800 è stato venduto a Londra ad una cifra che oggi corrisponderebbe a più di 35.000 dollari;
  3. Lo smalto dentale che ricopre i nostri denti è il tessuto più duro dell’organismo ed è secondo, per durezza, solo al diamante;
  4. Un cubetto di formaggio dopo il pranzo aiuta a prevenire le carie soprattutto dopo aver assunto cibi acidi perché il formaggio rende la saliva alcalina diminuendo così l’erosione dentale e il rischio di carie;
  5. Il popolo Inca per il mal di denti utilizzava un rimedio molto efficace: masticare una pianta tropicale chiamata “Alcamella” o detta anche “Crewcione di Para”, ad oggi oggetto di studio delle maggiori case farmaceutiche;
  6. I denti cominciano a formarsi nel feto già intorno alla dodicesima settimana di gravidanza anche se è luogo comune pensare ch ei denti nascano al sesto mese di vita del neonato;
  7. L’antenato del dentifricio risale a quasi 5.000 anni fa così come i primi spazzolini. Per questo l0igiene dentale ha origini antichissime;
  8. La seduta dal dentista può essere meno dolorosa se coniugata a delle sedute di agopuntura, in grado di risolvere diversi disturbi muscolari e articolari oltre che stati d’ansia e attacchi di panico.
  9. Esiste un museo dentale e si trova a Londra al “British Dental Association Museum”. A Torino invece si trova il Museo di Odontoiatria dell’Università  degli Studi di Torino, mentre a Lione si può visitare il Musèe de Chirurgie Dentarie. Questi sono i 3 principali.
  10. Secondo la tradizione, tra i martiri cristiani la protettrice dei dentisti è Santa Apollonia, la quale per non rinunciare alla propria fede subì diverse torture, tra cui l’estrapolazione dei denti con le tenaglie. La ricorrenza in cui si festeggia questa ricorrenza cade il 9 Febbraio.
  11. Ma ce ne è ancora un’ultima: in Norvegia i bambini possono donare i loro denti aiutando la scienza. Oltre ai denti, l’istituto di ricerca richiede un campione di sangue e un altro di urina della madre del bambino. I ricercatori utilizzeranno i denti decidui per studiare sia gli aspetti genetici, sia la trasmissione batterica.

 

Ti può interessare anche

Mangiarsi le unghie è una abitudine da evitare

 

 

Mangiarsi le unghie rovina i denti. Tutte le cattive abitudini da evitare

Mangiarsi le unghie rovina i denti e lo smalto


Mangiarsi le unghie rovina i denti e lo smalto. Lo smalto infatti non è composto da cellule viventi e per questo motivo il nostro corpo non può rigenerarlo una volta che questo si è rotto o danneggiato. Le abitudine sbagliate possono danneggiare la salute dei tuoi denti in questo articolo vediamo quali Lo smalto dentale è senza dubbio la sostanza più dura nel corpo umano. La sua struttura però è molto delicata.:

Mangiarsi le unghie: questa brutta abitudine causata da diversi fattori come anche lo stress, non solo trasferisce in bocca i batteri presenti sulla tua mano, ma contribuisce anche a consumare e indebolire lo smalto degli incisivi. Un consiglio per porre fine a questa abitudine? Quando senti il bisogno di morderti le unghie, prova a tenere pensare ad altro tenendo le mani occupate.

Masticare il ghiaccio: Masticare il ghiaccio provoca una frattura dei denti dovuta al brusco sbalzo di temperatura.

Aprire le bottiglie con i denti : Quando provi ad aprire una bottiglia con i denti, che tu lo faccia per gioco o per inerzia, inevitabilmente stai sottoponendo i tuoi denti al rischio di rottura.

Masticare le penne e le matite: Spesso ci ritroviamo a farlo quando siamo molto concentrati. Il continuo mordere penne e matite negli anni può portare a rotture e carie. Pertanto se ti capita di mordere una matita o una penna smetti subito e ricorda questa regola.

Utilizzare lo stuzzicadenti in modo sbagliato: non è necessario ostinarsi con lo stuzzicadenti durante la pulizia dei denti, piuttosto è preferibile l’uso del filo interdentale.

 

Fai un domanda agli esperti

Centro Studi Dental

Gruppo Lidonnici - dentini

Quando spuntano i primi dentini?

La comparsa dei primi dentini nel cavo orale viene chiamata dentizione.

I denti da latte formano la dentatura decidua che consta di 20 denti, di cui 2 incisivi, 4 canini, 4 molari, dunque 10 elementi dentali per ogni arcata. Diversa da quella permanente che è formata da quei denti ormai definitivi quelli che sostituiscono i decidui (tranne che per i molari permanenti) e che consta di 32 denti, 16 per ogni arcata.

  • I primi dentini erompono nei bambini già dopo 5-7 mesi e si tratta degli incisivi centrali. Mentre per i superiori bisogna attendere i primi 6-8 mesi dalla nascita del bambino;
  • Successivamente dopo 7-10 mesi ad uscire saranno gli incisivi laterali inferiori, per quelli superiori invece è necessario attendere dagli 8 agli 11 mesi;
  • A 10-16 mesi è il tempo dei molari, subito dopo i canini dai a 16-20 mesi e poi i secondi molari a 20-30 mesi;
  • Per la fase successiva bisognerà aspettare i 6-12 anni per la cosiddetta dentizione mista formata dai decidui che pian piano esfolianio e dai permanenti in via d’eruzione; Nello specifico a 6 anni erompono i primi molari permanenti, a 6-7 anni gli incisivi centrali, a 7-8 anni gli incisivi laterali, a 9 anni i primi premolari, a 9-11 anni i canini e poi ancora a 10-11 anni i secondi premolari, a 12 anni i secondi molari e infine i terzi molari erompono dai 17 ai 30 anni anche se a volte rimangono inclusi.

Fai una domanda agli esperti

Ti può interessare anche

Gravidanza: gonfiore, sensibilità e sanguinamento delle gengive

Centro Studi Dental

 

Gravidanza: gonfiore, sensibilità e sanguinamento delle gengive

Il problema più comune a tutte le donne in dolce attesa e strettamente legato alla gravidanza è sicuramente l’infiammazione delle gengive

 

E’ possibile dunque notare un gonfiore delle gengive, questo è dovuto al fatto che i livelli di secrezioni ormonali durante la gravidanza subiscono dei cambiamenti. Ciò può provocare gonfiore, sensibilità ma anche sanguinamento delle gengive.

Come affrontare il problema

  1. E’ consigliabile non sottovalutare l’infiammazione e il fastidio da essa derivante perché questo potrebbe essere una delle cause di gravidanza problematica.
  2. E’ consigliabile rivolgersi al proprio dentista per sottoporsi ad una seduta di igiene orale e, naturalmente, aumentare il livello di igiene orale, ridurre l’assunzione di zuccheri e acidi.

In molte donne incinta tale infiammazione è causa di granulomi piogenici che sono delle escrescenze causate dalla proliferazione dei capillari dei quali però non c’è da preoccuparsi perché andranno via subito dopo il parto.

Il periodo migliore per sottoporsi a cure dentali durante la gravidanza 

E’ consigliabile approfittare del periodo che va dalla 14 alla 20 settimana perché è possibile che prima di tale periodo un eccessivo carico di stress induca ad un aborto spontaneo. Inoltre dopo la ventesima settimana, la posizione del bambino potrebbe rendere scomoda la seduta sulla poltrona del dentista.

IMPORTANTE!

E’ importante comunicare sempre al dentista se si è incinta per evitare i Raggi-X di “routine”.

In caso di emergenza è considerato sicuro eseguirli con l’accortezza di farsi coprire bene la pancia e la gola (tiroide) con i grembiuli protettivi di piombo.

Durante la gravidanza è risaputo possono accorgere frequentemente i reflussi gastrici, gli acidi corrodono lo smalto e così è bene che si sciacqui di frequente la bocca.

 

Fai una domanda agli esperti

Può interessanti anche

Non rinunciare a sorridere, scegli l’impianto dentale duraturo e affidabile

Buonumore, tre consigli utili

Non rinunciare alla tua salute, con FIDITALIA da noi puoi!

 

Centro Studi Dental

Come lavare i denti correttamente

Come lavare i denti correttamente e perfezionare la gestualità affinché la bocca sia pulita e sana

 

Quando lavare i denti?

E’ necessario lavare i denti almeno due volte al giorno, possibilmente la mattina dopo la colazione e la sera prima di andare a letto. Ma è importante lavare i denti anche dopo pranzo o dopo altri pasti durante la giornata.

Ricorda!

Se hai appena finito di mangiare cibi o bevande contenenti acidi come il vino, gli agrumi, succhi di frutta, devi attendere almeno 30 minuti prima di lavare i denti. Questo perché gli acidi ci mettono un po prima di intaccare lo smalto, è necessario attendere dunque 30 minuti per fare si che non si danneggino i denti mentre gli acidi stanno potenzialmente agendo.

Un piccolo trucchetto quando non si ha la possibilità di spazzolare i denti è quello di bere dell’acqua subito dopo l’assunzione di questi cibi acidi.

Come spazzolare i denti con uno spazzolino manuale?

Lo spazzolino può avere sia setole morbide che medie. Assicurati di scegliere una testina che si adatti alla tua bocca così da facilitare il raggiungimento di tutti gli angoli durante la pulizia. Il movimento deve essere verticale partendo dalla gengiva verso il dente. Spazzola bene anche l’interno della dentatura e la parte posteriore e negli spazi interdentali.

Attenzione: Spazzola anche la lingua e non dimenticare di spazzolare l’interno delle guance. Queste sono zone in cui si depositano facilmente i batteri

Per quanto tempo?

Noi di Centro Studi Dental consigliamo di lavare i denti per almeno 3 minuti, anche se 2 minuti sono più che sufficienti.

NON DIMENTICARE

Non dimenticare il filo interdentale almeno una volta al giorno il quale agisce eliminando i residui di cibo in quei punti in cui lo spazzolino non arriva. Dopo aver avvolto le due estremità del filo attorno al dito medio di ciascuna mano, inseriscilo fra dente e dente per poi sfregare leggermente sotto il bordo gengivale.

Ultimo passaggio

Una volta fatti questi passaggi, sciacqua la bocca con il collutorio per lasciare la tua bocca più fresca e pulita.

Ricorda!

Ricorda di chiudere il rubinetto mentre spazzoli i denti, così facendo è possibile risparmiare fino a 6 litri di acqua.

 

Fai una domanda ai nostri esperti

 

Centro Studi Dental

Labbra secche e apparecchio ortodontico

Labbra secche e apparecchio ortodontico

Se avete le labbra secche una delle cause potrebbe essere l’apparecchio ortodontico

 

Il problema delle labbra secche dovute all’apparecchio ortodontico è dovuto alla salivazione che in questo caso diminuisce rispetto al normale provocando lingua e bocca secca, ma anche difficoltà a deglutire, taglietti agli angoli della bocca e all’interno delle guance.

Consiglio per chi presenta questi sintomi

  1. Non leccare le labbra. L’acqua che depositeremmo sulle labbra evaporerebbe aggravando il problema;
  2. Evitare cibi salati, piccanti, caffè, alcolici e tabacco;
  3. Bere molta acqua, si evita cosi la disidratazione.

Fai la tua domanda agli esperti

Ti può interessare anche

Non rinunciare a sorridere. L’impianto dentale è la soluzione affidabile e duratura

Buonumore, tre consigli

Non rinunciare alla tua salute. Con il prestito personale di Fiditalia da noi puoi

 

Centro Studi Dental

Buonuomore, tre consigli utili per ritrovare il sorriso

Buonuomore, tre consigli utili per ritrovare il sorriso

Buonumore tre consigli utili per ritrovare il sorriso ed essere ottimisti

 

Il buonumore, i consigli utili per ritrovare il sorriso, noi stessi, ma anche ad essere positivi nell’affontare le vicende della vita. Oggi più che mai il buonumore ci aiuta a ritrovare il sorriso e anche noi stessi. Spesso infatti ci capita di pensare agli errori commessi, al futuro incerto, alle paure, o alle situazioni che provocano stress e malessere.

Ma cosa succede nel nostro corpo quando ci sentiamo di malumore?

Gli ormoni sono in prima linea.La serotonina,o ormone del buonumore, è il neurotrasmettitore che regola l’umore, l’appetito, il sonno, la capacità visiva, l’efficienza della memoria ma anche la soglia dell’attenzione e quando capita di vedere tutto nero senza una via d’uscita, vuol dire che il livello di serotonina si è abbassato.Quando siamo sotto stress si alza il cortisolo, ormone che regola lo stress, e si abbassa la serotonina.A livello psicologico, il lavoro del cortisolo sfocia in uno stato diffuso di tensione e nervosismo. Questo è uno dei motivi per i quali siamo sempre alla ricerca di zuccheri, un abuso di zuccheri fa aumentare la serotonina ma allo stesso tempo provoca non solo una dipendenza ma può avere anche delle controindicazioni al livello del cavo orale con l’insorgere di carie e successivo malessere relativo al dolore e al fastidio da queste provocato.Dunque, quando c’è poca serotonina e molto cortisolo la mente è in allerta, ci getta nel cattivo umore e tende ad attribuire significati negativi agli eventi.Ecco ora 3 consigli per ritrovare il sorriso e il buon umore:

  • 1 Aggiungi un sorriso alla tua giornata. Cammina e mentre lo fai aggiungi un sorriso, pensa positivo e prenditi cura di te. Non ingigantire i piccoli disappunti che si possono verificare con le persone che ti stanno attorno ma cerca di penare positivo e non prenderla sul personale.  Secondo gli studi dello psicologo Paul Ekman, sorridere favorisce il rilascio di serotonina.
  • 2 Mangia bene e più volte al giorno con spuntini a metà giornata. E’ importante fare due spuntini leggeri e bere acqua a metà mattina e metà pomeriggio. Cosi eviterai l’aumento di cortisolo, l’ormone dello stress che favorisce il nervosismo.
  • 3 Cura il tuo sorriso e la salute della tua bocca. Sapere di avere un bel sorriso che ti permette di sorridere liberamente tra la gente agisce positivamente a livello psicologico allentando la tensione. E’ importante rivolgersi al proprio dentista il quale si prenderà cura del tuo sorriso e contribuirà anche al tuo buonumore.

Fai la tua domanda ai nostri esperti 

Ti aspettiamo nei nostri centri.

Ti può interessare

Non rinunciare alla tua salute, con FIDITALIA da noi puoi finanziare la cura della tua bocca